Proposte per la stagione estiva

Qualche piccolo suggerimento per la stagione estiva 2017 per trascorrere il tempo libero camminando in un ambiente incontaminato e poco conosciuto.

Cliccate sui nomi per andare all'itinerario dettagliato.
  • Per cominciare a sgranchirsi le gambe, una superclassica breve: l'Anello di Bianchiai piedi di arditi torrioni dolomitici che emergono dal verde dei boschi. E non scordate di fare un "saltino" alla splendida Forcella Scodavacca!
  • una cima facile, panoramica e relativamente vicina: la cima Urtisiel Est m 2119 (calcolare circa due ore- due ore e mezza per la salita dal nostro Rifugio) che si può abbinare con una visita alla Casera Valbinon e alla meravigliosa prateria alpina di Campuros. In questo modo percorrerete in scioltezza circa una metà del famoso truoi dai Sclops, il “sentiero delle genziane”.
  • il giro più bello, il truoi dai Sclops appunto, un vero "obbligo" per chi non lo conosce già. Calcolare un'intera giornata e magari per farlo più in relax inserire un pernottamento da noi oppure al Rifugio Pacherini. 
  • oltre quella sella, il Nirvana: salita al Bivacco Marchi-Granzotto per la Forcella del Cason, con eventuale discesa per il ghiaione de Las Busas. Gita impegnativa per allenati.
  • per conoscere da vicino le più belle guglie dolomitiche e avventurarsi in un mondo veramente selvaggio possiamo salire alla Forcella Scodavacca e da qui alla Tacca del Cridola m 2290. Una discesa su ghiaione ci porterà nell’alta val Cridola al Bivacco Vaccari, un vero gioiello sconosciuto, che sorge a 2050 m sul ripiano erboso della “Cuna” (“la culla”). Da qui rientro al Giaf per la Forca del Cridola.
Non mancate comunque di prendere in considerazione il nostri due fiori all'occhiello:
  •  l'Anello delle Dolomiti Friulane, una lunga escursione circolare nel Parco delle Dolomiti Friulane con pernottamento nei Rifugi Giaf, Pacherini, Pordenone e Padova.
  • l'Alta Via di Forni, che collega i due versanti della Val Tagliamento, con pernottamento nei Rifugi Giaf e Pacherini e nelle due Casere/Rifugio Tartoi e Tragonia.
Ricordiamo inoltre che il nostro Rifugio si presta come base per numerose salite alpinistiche, di cui le più note sono quelle al Cridola, m 2581 (II grado) e al Monfalcon di Forni m 2453 (I grado).